San Sago, Ecologica 2008 pronta a ripartire

Intervista esclusiva di blogtortora.it al legale della proprietà dell'impianto di San Sago. Giuseppe Belvedere: “Società pronta ad alba nuova. Amministrazione fermi la guerra”.

TORTORA – A breve Ecologica 2008 rimetterà in funzione l’impianto di smaltimento rifiuti liquidi speciali non pericolosi di località San Sago di Tortora.

Lo ha confermato in una intervista esclusiva per www.blogtortora.it l’avvocato Giuseppe Belvedere in qualità di legale della ditta proprietaria del sito.

BLOGTORTORA: Dopo la decisione del Tar calabrese, è intenzione della Ecologica 2008 Srl di riprendere le attività nell’impianto di San Sago, ferme sin dal sequestro della guardia di finanza del dicembre 2013?

GIUSEPPE BELVEDERE: “Sì, ma quando ancora non si sa. Non ho ancora avuto occasione di incontrare la proprietà. A giorni comunque si deciderà il quando perché la società ha anche bisogno di rimettere in sesto l’organizzazione e approntare tutto quanto serve per far ripartire l’impianto, a cominciare dal riassumere gli operai”.

BT: Nel frattempo l’amministrazione comunale di Tortora si è già espressa dopo la sentenza del Tar e ha preannunciato di volere percorrere ancora la strada giuridica per fermare gli impianti.

GB: “Mi è dispiaciuto apprendere che l’amministrazione comunale voglia addirittura rivolgersi al Consiglio di Stato. Nonostante la ditta sia uscita vittoriosa nella decisione del Tar, anche sule spese processuali, la sua linea rimane quella di voler interagire, sempre e comunque, in collaborazione con tutti, anche con l’amministrazione comunale di Tortora, per la tranquillità e l’armonia di questo impianto. La Ecologica 2008, in questo periodo si è dotata di un nuovo assetto e ha intenzione di avviare il processo di riapertura coinvolgendo tutti e che si basi sui controlli che tutti vogliono”.

BT: In che senso “un nuovo assetto”? La società è passata di mano?

GB: “No, mi riferivo a una questione di attitudine della stessa. È in atto una nuova alba all’interno della proprietà dell’impianto che vive il provvedimento del Tar non come una vittoria, ma come opportunità per il rilancio dell’impianto e vorrebbe che passasse attraverso l’armonia di tutti. Che si organizzi una tavola rotonda alla quale sieda anche l’amministrazione comunale senza che questa abbia problemi o preoccupazioni. Noi diciamo no alla guerra, no allo scontro. Con le opere che sono state fatte durante il periodo del sequestro, e parliamo di interventi molto importanti, l’impianto è più efficiente che mai. Una perla d’impianto, oserei dire. Sarebbe stupido non mettersi a disposizione di chiunque volesse visitarlo e confrontarsi con questa nuova situazione. Da parte del mio cliente c’è la voglia di aprirsi ad altri. Tuttavia se l’amministrazione comunale e altri soggetti ci convocheranno in guerra, allora risponderemo scendendo sul terreno di battaglia. Questo deve essere chiaro”.

BT: Non è la prima volta che si fa accenno agli interventi che sono stati effettuati all’impianto dopo il sequestro della guardia di finanza. Non trova che sia un’ammissione che lì dentro qualcosa che non andava – come risulta dall’indagine – ci fosse?

GB: “No. Nessuna ammissione. Capiamoci. L’ipotesi di reato formulata è basta sul fatto che l’impianto avrebbe introitato più di 300 metri cubi (giornalieri, ndr) e dunque più di quanto potesse depurare. È un falso problema, tant’è che l’Arpacal non ci ha mai fermato. Affinché il Gip avesse una visione ancora più efficiente dell’impianto, noi abbiamo aggiunto una sorta di contatore all’uscita che limita l’impianto per 300 metri cubi; un campionatore che esamina il campione per vedere se è perfettamente depurato o no; e abbiamo tappato completamente tutte le vie di fuga di quei piccoli bacini che potevano far passare acque non depurate verso le vie di fuga del pozzetto. Parliamo di accorgimenti che non si fanno quasi mai, da nessuna parte. E sono stati adottati per dare tutte le garanzie possibili ed immaginabili. L’amministrazione comunale leggesse le carte e alla stregua di questo si ponesse in maniera diversa rispetto all’impianto, non in maniera pretestuosa. Ci sono due studi che dimostrano che le acque sono perfette. Ma le dirò di più. C’è anche una consulenza tecnica, la Damiani, chiesta dal PM di Lagonegro Anna Grillo, e svolta in concerto con il Ministero dell’Ambiente, l’Isspra e il corpo forestale dello Stato, che afferma che le acque sono a posto, che lo scarico effettuato nel fiume Noce ha avuto un impatto inesistente. E, cosa che io ritengo estremamente grave, questo documento non è stato trasmesso al tribunale di Paola per essere acquisito nel processo penale che vede rinviati a giudizio tre dipendenti della ditta. Continuo a chiedermi per quale motivo il comune continui ad avere remore. Ribadisco: sediamoci intorno a un tavolo e chiediamoci tutti che garanzie si vogliono, ma che si finisca con questa guerra”.

BT: A proposito, le tre persone rinviate a giudizio per reati ambientali, il rappresentante legale e due collaboratori: sono ancora nell’organico societario?

GB: “No. Anche perché dopo il sequestro i dipendenti sono stati tutti licenziati. Si consideri che attualmente la società è al collasso. L’inattività ha avuto su di essa un impatto devastante dal punto di vista economico”.

BT: Nonostante tutto però l’intenzione è quella di far ripartire l’impianto?

GB: “Sì. La proprietà spera di ripartire”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

PUBBLICITA

BlogTortora mette a tua disposizione un sistema facile, innovativo e sicuro per acquistare i nostri migliori spazi pubblicitari in pochi semplici click. Puoi dare visibilità alla tua attività promuovendoti su posizionamenti dal forte impatto visivo, anche se hai un budget contenuto. Sarai tu a scegliere dove comparire e sarai sempre consapevole del prezzo finale d'acquisto. Se non hai il banner, nessun problema, lo creiamo noi. Invia una mail con la richiesta di preventivo a info@blogtortora.it