Emergenza criminalità, comuni pensano alla videosorveglianza

Ondata di furti: Santa Maria del Cedro e Grisolia studiano sistemi di videosorveglianza. Previsto l'aumento del personale di sicurezza e dei controlli sul territorio.

SANTA MARIA DEL CEDRO – I comuni di Santa Maria del Cedro e Grisolia pensano all’installazione di sistemi di videosorveglianza per fronteggiare l’emergenza criminalità che interessa il territorio negli ultimi mesi.

Ma l’area attende anche un incremento di controlli e personale delle forze dell’ordine per porre un immediato argine alla serie di furti registrati negli ultimi tempi. Da mesi, infatti, ladri d’appartamento e d’auto sono in azione nei centri della Riviera dei Cedri. Molti dei colpi tentati o messi a segno dai malviventi sono ancora senza un responsabile. L’insicurezza e il timore crescono tra le persone ed ecco che le amministrazioni comunali provano a porre rimedio.

Nel particolare, i primi cittadini Ugo Vetere e Antonio Longo ne hanno discusso con il prefetto di Cosenza lo scorso 4 febbraio.

Santa Maria del Cedro ha inviato al comando provinciale di sicurezza la documentazione per ottenere le autorizzazioni necessarie all’installazione della videosorveglianza sul proprio territorio comunale. Il sistema di controllo del territorio è stato deliberato in Giunta a novembre dell’anno scorso.

Grisolia, invece, ne aveva iniziato a discutere addirittura nel 2010. Un progetto che però si è arenato per gli alti costi. Solo per coprire una porzione del centro storico l’ente si era visto recapitare preventivi per alcune centinaia di migliaia di euro. Preventivi però, ci spiegano dal municipio, che si abbassano notevolmente se si opta per webcam connesse a un sistema di gestione via wireless per coprire l’intero territorio. Un progetto ancora valido e fattibile – spiegano ancora – che però attende che il sistema della fibra ottica sia completato ed entri in funzione a pieno regime.

Quanto all’incremento della presenza delle forze dell’ordine, dal comando della compagnia dei carabinieri di Scalea ricordano che, già nei mesi scorsi, è avvenuto un incremento di personale ad integrazione delle risorse già a disposizione e a coprire posti rimasti vuoti. “La situazione degli episodi di criminalità – fanno sapere dal comando – nei due comuni come in altri della compagnia è costantemente monitorizzata”.

One Response to Emergenza criminalità, comuni pensano alla videosorveglianza

  1. Ciccio feb 9, 2016 at 11:58

    È cosi costantemente monitorizzata che i furti sono aumentati, il comando di Scalea da solo non può ovviare al problema e nemmeno al mero ordine pubblico, la compagnia di Praia andrebbe potenziata così come la stazione dei carabinieri di Santa Maria, ma qui è lo stato che deve fare il suo dovere, anche perché le forze dell’ordine molte volte sono lasciate a loro stesse, vanno aiutate aumentando le risorse a loro favore.. I politici si riempiono il portafoglio e la pancia e a noi comuni mortali ci riempiono di parole, le solite da 25 anni a questa parte

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

PUBBLICITA

BlogTortora mette a tua disposizione un sistema facile, innovativo e sicuro per acquistare i nostri migliori spazi pubblicitari in pochi semplici click. Puoi dare visibilità alla tua attività promuovendoti su posizionamenti dal forte impatto visivo, anche se hai un budget contenuto. Sarai tu a scegliere dove comparire e sarai sempre consapevole del prezzo finale d'acquisto. Se non hai il banner, nessun problema, lo creiamo noi. Invia una mail con la richiesta di preventivo a info@blogtortora.it